Raccogliamo gli eventi fino ad oggi (Agosto 6 (it)/ Events timeline up until August 6th (eng)



Gli avvisi da parte delle attuali autorità dell'Istituto offerti agli studenti sui cambiamenti accaduti sono stati repentini, scarsi e del tutto insoddisfacenti.


Noi, gli studenti dell'Istituto Pontificio Giovanni Paolo II, siamo venuti a sapere di questi importanti cambiamenti in modo improvviso, tramite i mass media, fuori dal contesto del nostro Istituto, in tempo estivo di vacanze, e senza avere la possibilità di fare qualche domanda o di entrare in un dialogo di chiarimento con il nostro Preside o Gran Cancelliere.


Una modalità di comunicazione molto spiacevole, che ci ha sconvolto, poiché eravamo da sempre abituati alla trasparenza e al clima di fiducia vissuta finora nel nostro Istituto.


- Le prime due notizie sull'approvazione degli Statuti sono uscite sui mass-media nella data del 18 e 19 luglio (senza che siano accompagnate dalla pubblicazione del testo dei Nuovi Statuti)


- Il 23 luglio abbiamo ricevuto la prima e-mail di notifica che i Nuovi Statuti e il nuovo Ordinamento di Studio sono stati pubblicati. L'email conteneva una lettera in cui si affermava che, nella data del 11 luglio 2019, la Congregazione per l’Educazione Cattolica aveva già approvato gli Statuti e l’Ordinamento degli Studi del nuovo Pontificio Istituto Teologico Giovanni Paolo II.


- Inoltre, soltanto il 23 luglio sono stati finalmente pubblicati i Nuovi Statuti sul sito web dell'Istituto, e gli studenti siamo stati finalmente informati attraverso la posta elettronica sulla loro pubblicazione.


Nello stesso giorno e a distanza di poche ore, sono cominciati i penosi licenziamenti. I primi licenziati: i brillanti professori Mons. L. Melina e P. Noriega. Da questo giorno, Il numero di licenziamenti è in aumento.


- Il 25 luglio, abbiamo inviato, tramite i nostri rappresentanti, una email (alle 11:00 am) con la lettera scritta da parte di tutti gli studenti indirizzata al Preside mons. Sequeri, e mettendo in copia il Gran Cancelliere, mons. Paglia (Info sulla lettera)


- Il venerdì 26 luglio alle 10:00 am, i nostri rappresentanti hanno inviato la lettera per posta (raccomandata con ricevuta di ritorno) a mons. Sequeri (preside) e al mons. Paglia (Gran Cancelliere).


- Il 26 luglio, gli studenti abbiamo ricevuto una seconda notifica da parte delle autorità dell'Istituto, una email che conteneva praticamente alcune frasi generiche e 2 link sugli eventi accaduti il 18 e 19 luglio 2019 che sono i seguenti:


1. Commento di mons. Sequeri all'approvazione degli statuti - Osservatore Romano - Data: 18/07/2019

http://www.istitutogp2.it/wp/2019/07/18/tra-fede-e-realta/

Fonte originale: http://www.osservatoreromano.va/it/news/tra-fede-e-realta


2. Intervista a mons. Sequeri - Avvenire - Data: 19/07/2019

http://www.istitutogp2.it/wp/2019/07/19/mons-sequeri-su-avvenire-dialogo-e-confronto-con-tutte-le-scuole-di-pensiero-presenti-nella-chiesa/

Fonte originale: https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/capire-la-famiglia-ecco-la-svolta


Come si può vedere chiaramente da tali comunicati, non esiste alcun chiarimento sulle implicazioni concrete dei Nuovi Statuti, né una spiegazione esaustiva sul nuovo Ordinamento, né sui licenziamenti dei docenti (o la situazione degli altri docenti).


- Il Pontificio Istituto Giovanni Paolo II, il 29 luglio scorso, ha diffuso un comunicato stampa in cui ha riportato alcuni punti riguardanti l’approvazione dei nuovi Statuti. Tra l’altro dichiara di aver ricevuto la lettera firmata dagli studenti prima che la rendessimo pubblica il 30 luglio, attraverso il nostro website appellostudentigp2.com


Si fa presente che nel comunicato stampa del 29 luglio non ci sono risposte alle domande poste al nostro preside mons. Sequeri.


- Il 30 luglio mons, Sequeri ha pubblicato un’intervista su Vatican News. Il titolo dell’intervista “Sequeri: lettera studenti Istituto GP2 pubblicata prima che la ricevessi” non tiene conto della verità e, inoltre, non riporta alle parole del Preside che si limita a dire che la lettera “è stata resa pubblica prima ancora che i destinatari dessero riscontro e avessero tempo materiale di rispondere” e il quale non ha mai detto di non averla ricevuta.

Il preside, inoltre, ci assicura che il progetto di san Giovanni Paolo II continuerà, ma non sappiamo ancora "come", visto che sono state eliminate le grandi intuizioni del Papa: tra cui, i professori di cui si fidava personalmente, professori che conoscevano molto bene la Teologia di san Giovanni Paolo II, cattedre che apprezzava molto e materie sulla Teologia del corpo.


Di fronte a tutto questo, ci chiediamo: perché il Preside ancora non risponde ai nostri quesiti, alle nostre domande, almeno per tranquillizzarci?


Dopo 10 giorni dall’invio della lettera stiamo ancora aspettando la risposta da parte del nostro Preside, e confidiamo che ciò possa avvenire il prima possibile. Mancano due mesi all'inizio dell'anno accademico successivo, e ancora non sappiamo chi siano i professori del corpo docente, né la descrizione di ogni corso, né la bibliografia. Ci troviamo in una situazione davvero preoccupante.


In buona fede e in attesa della risposta alle nostre domande,


Gli studenti dell'Istituto Giovanni Paolo II

-----------

The notices given to the students by the current authorities of the Institute about the changes that had taken place were sudden, scarce and completely unsatisfactory.

We, the students of the Pontifical John Paul II Institute, came to know about these important changes abruptly, through the mass media, outside the context of our Institute, at the time of summer vacations, and without having the opportunity to ask questions or to enter into a clarifying dialogue with our President or Grand Chancellor.


This is a very regrettable way of communicating, which has disturbed us, since we have always been accustomed to the transparency and the climate of trust that we had experienced at our Institute up until now.


- The first two reports about the approval of the Statutes were published in the mass media on July 18 and 19 (without being accompanied by the publication of the text of the New Statutes).


- On July 23, we received the first email notifying us that the New Statutes and the New Order of Studies had been published. The email contained a letter stating that on July 11, 2019 the Congregation for Catholic Education had already approved the Statutes and the Order of Studies of the new John Paul II Pontifical Theological Institute.


- Moreover, it was only on July 23 that the New Statutes were finally published on the Institute's website, and the students were finally informed by email of their publication.


On the same day, a few hours later, the distressing dismissals began. The first dismissals: the outstanding professors Mons. L. Melina and P. Noriega. From this day on, the number of dismissals is increasing.


- On July 25, we sent an email (at 11:00 am) through our representatives with the written letter from all the students addressed to the President, Msgr. Sequeri, and copying the Grand Chancellor, Msgr. Paglia (information on the letter)


- On Friday, July 26 at 10:00 am, our representatives sent the letter by post (registered mail with return receipt) to Msgr. Sequeri (President) and to Msgr. Paglia (Grand Chancellor).


- On July 26, the students received a second notification from the authorities of the Institute, an email containing some general phrases and two links relating to the events that took place on July 18 and 19, 2019 which are as follows:


1. Commentary by Msgr. Sequeri on the approval of the statutes - Osservatore Romano - Date: 18/07/2019

http://www.istitutogp2.it/wp/2019/07/18/tra-fede-e-realta/

Original source: http://www.osservatoreromano.va/it/news/tra-fede-e-realta


2. Interview of Mons. Sequeri - Avvenire - Data: 19/07/2019

http://www.istitutogp2.it/wp/2019/07/19/mons-sequeri-su-avvenire-dialogo-e-confronto-con-tutte-le-scuole-di-pensiero-presenti-nella-chiesa/

Original source: https://www.avvenire.it/chiesa/pagine/capire-la-famiglia-ecco-la-svolta


As can be seen clearly from these communications, there is no clarification about the concrete implications of the New Statutes, nor an exhaustive explanation about the new Order of Studies, nor about the dismissals of some of our professors (or the situation of the other professors).


- On 29 July, the Pontifical Institute John Paul II issued a press release in which it reported some points concerning the approval of the new Statutes. Among other things, the text declares that the letter by the students has been received, i.e., prior to when we made it public on July 30, through our website appellostudentigp2.com

It must be noted that the press release of July 29 does not respond to the questions put to our President Msgr. Sequeri.


- On 30 July Msgr. Sequeri published an interview on Vatican News. The title of the interview was: “Sequeri: Letter by Students of JP2 Institute Published Before I Received It”. This title does not take the truth into account, and, moreover, it does not report the words of the President who merely says that the letter “was made public even before the addressees had confirmed the receipt or materially had the time to respond.” The President never said that he had not received it.


The President, moreover, assures us that Saint John Paul II’s project will continue, but we do not yet know “how,” since the great intuitions of the Pope have been eliminated: among them, the professors whom he trusted personally, professors who knew very well the Theology of Saint John Paul II, academic chairs that he greatly appreciated and subject matters on the Theology of the Body.


Faced with all this, we ask ourselves: why does the President still not answer our questions, at least so as to reassure us?


Ten days after sending off the letter we are still waiting for the answer from our President, and we trust that this will happen as soon as possible. We are two months away from the beginning of the new academic year, and we still do not know who the professors of the faculty are, nor do we know the description of each course, nor the bibliography. We are in a very disquieting situation.

In good faith and awaiting the answer to our questions,


The students of the John Paul II Institute

174 views